banner
pescara

A venti giorni dall’istituzione della zona rossa, i numeri dell’emergenza coronavirus nell’area di Pescara non accennano a migliorare. Solo nel capoluogo adriatico, dal giorno dell’entrata in vigore delle maggiori restrizioni sono stati accertati oltre 1.200 nuovi casi: l’1% della popolazione ha contratto il Covid-19 nelle ultime tre settimane. Tanti i giovani positivi, molti dei quali con sintomi importanti. “La zona rossa non ha dato i risultati aspettati perché c’è la variabile della variante inglese”, afferma il virologo Paolo Fazii. “Il carico ospedaliero è invariato ed è ai livelli più alti finora”, gli fa eco l’infettivologo Giustino Parruti. Oltre alla circolazione diffusa della variante inglese, a Pescara responsabile del 70% dei contagi, all’origine dell’aumento dei numeri c’è anche il mancato rispetto delle misure restrittive da parte di molti, sottolineano gli esperti i quali si dicono convinti che “al momento si registrano segnali di plateau, ma su valori altissimi”. Fortissima la pressione sull’ospedale di Pescara: dei circa 630 ospedalizzati in Abruzzo, oltre 300 sono nel capoluogo adriatico, 41 dei quali in rianimazione. Nell’ondata di novembre il dato sui ricoveri a Pescara era inferiore a 200; in quella della primavera 2020 era arrivato a circa 150 unità. “Stiamo gestendo le cose con intelligenza – afferma il direttore delle Malattie infettive, Giustino Parruti – ma è una situazione di pieno carico. Una situazione purtroppo discrepante rispetto a quelle di Perugia e Bolzano che hanno vissuto un fenomeno analogo. Lì, però, le misure restrittive hanno portato a una riduzione dei numeri. La variante è anche più aggressiva: in rianimazione abbiamo un 30enne e alcuni quarantenni. Aumentano i giovani con sintomi importanti. Oggi abbiamo ricoverato un 22enne con lesioni polmonari di notevole estensione. Su cento positivi, venti hanno meno di 19 anni. L’aspetto positivo è che, nonostante siano stati in parte ridotti gli interventi differibili, l’ospedale va avanti”. “La zona rossa – afferma il direttore del laboratorio della Asl di Pescara, Paolo Fazii – fa fatica con la variante inglese, ma è la strada maestra da seguire. L’importante è che sia rispettata, spesso ciò non avviene. Queste misure hanno senso se vengono rispettate, perché la variante è difficilissima da contenere”. Rispetto al fatto che Pescara – città a lungo ai primi posti in Italia per incidenza – ha vissuto in anticipo un fenomeno che a livello nazionale si sta diffondendo solo ora, il virologo sottolinea che “è fondamentale contenere in ogni modo la circolazione del virus”.

Queste le zone rosse per provincia:

Chieti: Bucchianico, Chieti, Francavilla, Lanciano, Miglianico, Ortona, San Giovanni Teatino, Torrevecchia Teatina e Ripa Teatina.

L’Aquila: Ateleta e da domani i comuni di Cagnano Amiterno, Capitignano, Castelvecchio Subequo, Ovindoli, Pizzoli e Roccaraso.

Pescara: Caramanico Terme, Cepagatti, Città Sant’Angelo, Lettomanoppello, Manoppello, Montesilvano, Pescara, Pianella, San Valentino in Abruzzo Citeriore, Spoltore, Turrivalignani. Da domani Castiglione a Casauria e Torre de’ Passeri

Lascia un commento

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Per continuare ad utilizzare il sito bisogna consentire i cookie maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close