banner
banner
banner

L’AQUILA – I capi dipartimento della Asl dell’Aquila sono in riunione con il direttore generale Ferdinando Romano e i vertici aziendali, per fare il punto per il gravissimo blocco del sistema informatico, con i server inaccessibili, a seguito di un attacco hacker, che sta mettendo in ginocchio in tutta la provincia aquilana i servizi sanitari, semi paralizzati, Valle Peligna compresa. Inviato dalla Regione Abruzzo all’Aquila il dirigente del servizio Sanità Digitale, Camillo Odio, per una ricognizione. In azione, da quanto si è appreso il cosiddetto “gruppo Monti”, hacker che utilizzano un programma informatico che riesce a sottrarre dati sensibili, e poi come già in altri casi avvenuto, chiedere un riscatto in valute digitali per la restituzione. Anche oggi dunque grandi disagi, nei Centri unici di prenotazioni, i Cup, e nei pronto soccorso, per tutti i servizi, prestazioni e reparti che presuppongono una interfaccia informatici. Impossibile ad ora recuperare lo storico delle visite prenotate e i dati relativi alle liste di attesa, con i database “imprigionati” nei server inaccessibili. A rilento gli esami del sangue, effettuati solo per emergenze. I tre quarti delle operazioni della Asl provinciale sono insomma in fortissima difficoltà. Le registrazioni dei pazienti e altre pratiche avvengono con carta e penna, anche se non è previsto dai protocolli. Ci sono poi altri reparti che non sono collegati al server aziendale, e dove i problemi sono limitati. Da ieri sono al lavoro squadre di cyber esperti arrivate anche da fuori città, ma non si sa nulla in merito alla risoluzione della drammatica emergenza.

banner

Lascia un commento