banner
banner

SULMONA – La Regione torni indietro. Lo chiedono a gran voce il collegio provinciale dei geometri e i geometri laureati dell’Aquila che intervengono sulla paventata soppressione dell’ufficio del Genio Civile di Sulmona. “Lo smantellamento di tale ufficio verrebbe a colpire ancor di più la cittadinanza tutta, in quanto verrebbero a mancare, innanzitutto, le conoscenze tecniche acquisite dal personale in forza e mancherebbe ancor di più la possibilità di interloquire tecnicamente tra professionisti e ufficio conoscitori di realtà territoriali ben definite, sia geomorfologiche che strutturali”- intervengono dal collegio geometri che si accomuna alla protesta sollevata da altre categorie professionali, sociali e politiche, invitando il Governo Regionale a rivedere la posizione assunta nel caso. “Il ravvedimento da parte della Regione sarebbe una prova di grande vicinanza alla cittadinanza che trova difficoltà economiche e sociali di ripresa, già colpita dal sisma 06 aprile 2009”- concludono dal collegio che osserva e lamenta qualsiasi riferimento alla soppressione dell’Ufficio di Sulmona, impegnato sia nella difficile attività della ricostruzione post-sisma 06 aprile 2009 e sia nell’ordinarietà che interessa il vastissimo territorio della Val Peligna, Alto Sangro, Valle Subequana e Sagittario.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento