banner
banner

L’AQUILA – Ieri a Sulmona si è tenuto un incontro tra le organizzazioni sindacali Uil PA e le direzioni dei quattro istituti e della scuiola di formazione di Fonte D’Amore. E’ stata affrontata la questione delle caserme riservate agli Agenti ed i rischi connessi al Covid.

All’incontro erano presenti il segretario e vice segretario generale regionale Ruggero Di Giovanni e Mauro Nardella, il presidente della segreteria regionale Giuseppe Giancola, il segretario regionale Gaetano Pignatelli, i segretari provinciali e loro componenti Ferruccio Colonico, Giuseppe Ferretti, Michele Americo, Moreno Pignatelli, Calogero Cusimano e tutti i quadri dirigenziali dei quattro istituti penitenziari aquilani Barbara Scudieri, Claudio Centofanti, Sergio Giancola, Giovanni Matricciani e Giovanni Leopardi per la Casa Reclusione di Sulmona; Mauro Giamberardini, Anacleto Rossi ed Andrea Ciarallo per la Casa circondariale dell’Aquila; Paolo Paluzzi e Vincenzo Rossi per la Casa circondariale di Avezzano e Marco De Pascale per il Centro di prima accoglienza dell’Aquila.

Accordo trovato sull’attuazione di un piano anti covid messo a punto dalla Regione: non abbassare la guardia ma se possibile potenziare il fronte.

“In un periodo come quello nel quale stiamo vivendo – si legge in una nota della Uil PA – avrebbe fatto molto comodo, per non dire essere determinante, avere a disposizione delle caserme per l’alloggio dei poliziotti penitenziari pronti ad ospitare coloro i quali sarebbero in grado di rispondere ad una eventuale emergenza e, così come accaduto a Sulmona all’epoca dei casi positivi in essa riscontrati, ospitare in regime di isolamento sanitario proprio quegli agenti provenienti da altre Regioni che ne hanno subito le conseguenze.

Capita invece che proprio nel periodo più drammatico questi preziosi supporti sono venuti ulteriormente meno.  A Sulmona, infatti, la caserma è stata chiusa per inagibilità ed ancora si sta studiando un’ipotesi di intervento per ovviare al problema. A tal proposito, la UIL PA polizia penitenziaria di Sulmona sta interagendo con gli amministratori del Comune per trovare una possibile soluzione una delle quali potrebbe essere quella di utilizzare a mezzo convenzione alberghi della zona. All’Aquila il problema, anche se ancora vissuto per via delle dinamiche che hanno portato alla riassegnazione dei posti letto dopo il restauro al quale sono stati sottoposti i vari locali, sembra essere stato relativamente risolto con l’utilizzo dei MAP. La situazione peggiore la ritroviamo ad Avezzano, laddove cioè la caserma, dopo il rinnovo del suo look, è stata addirittura e definitivamente smantellata: sarà cura della UIL a tal proposito sollecitare l’intervento del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e della oramai prossima giunta comunale. Le ataviche carenze organiche, le sempre più gravi problematiche vissute dai poliziotti penitenziari sui vari fronti (sezioni detentive) e i diritti soggettivi loro riservati non sempre prontamente garantiti hanno completato il quadro degli interventi. Sulla scorta di quanto emerso la squadra dirigenziale della UIL PA polizia penitenziaria Abruzzo predisporrà, così come sempre fatto, una serie di interventi volti a sensibilizzare l’amministrazione e non solo affinché le tante problematiche emerse vengano una volta per tutte affrontate e debellate” conclude la nota.

banner

Lascia un commento