banner
banner

INTRODACQUA – “Trasferiamo le scuole per proteggere gli alunni da un eventuale sisma, intanto sono senza riscaldamento e se si beccano qualche bronchite”. E’ il comitato cittadino dei genitori di Introdacqua a segnalare a Onda Tg la situazione dell’impianto del riscaldamento dell’incubatore, sede provvisoria che ospita gli studenti. “Il fatto che l’impianto di riscaldamento non sia ancora in funzione, crediamo che non sia un piccolo disagio transitorio, dato che ormai siamo a novembre inoltrato”- fanno notare le famiglie- segnalando come nella struttura manca la fornitura di gas metano. Tocca al sindaco Terenzio Di Censo far luce sulla vicenda. Che il gas metano manchi il primo cittadino lo conferma, che gli alunni passino la mattinata al freddo e al gelo no. “In attesa che l’Ital Gas provveda alla fornitura abbiamo dotato la struttura di stufe elettriche”- riferisce il sindaco. “Il problema si è verificato solo in due aule dal momento che il guasto non ci era stato segnalato. Appena saputo del disservizio, abbiamo provveduto immediatamente a farle riparare”- rincara. Di Censo ha effettuato un sopralluogo nell’incubatore nei giorni scorsi, constatando che il grado della temperatura rientra nella normalità. Sui ritardi dell’Italgas per la fornitura di gas metano, il primo cittadino non transige. “Hanno dato vari appuntamenti e finora non si sono visti. Ho avuto rassicurazioni che il problema sarà risolto nei primi giorni della prossima settimana, se così non sarà richiederò l’intervento del Prefetto”- chiosa il sindaco.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento