banner
banner

SULMONA – Torna in libertà il 53 enne di Sulmona, ma originario di Castel Di Sangro, P.D.C., finito dietro le sbarre con l’accusa di lesioni pluriaggravate e minacce aggravate verso l’ex convivente. Da lei però dovrà restare lontano. Questa mattina il Tribunale del Riesame dell’Aquila ha ribaltato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa le scorse settimane dal Gip di Tribunale di Sulmona Marco Billi, su richiesta del Pm Stefano Iafolla, che aveva poi portato alla conferma della stessa misura cautelare nel corso dell’interrogatorio di garanzia affidato al giudice Daniele Sodani. Il Riesame ha disposto il divieto di avvicinamento all’ex convivente, pur rimettendo in libertà l’uomo. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia il 53 enne si era difeso dichiarando di aver agito per resistenza dopo essere stato aggredito dall’ex convivente. La sua reazione avrebbe quindi provocato una colluttazione. Ma P.D.C. aveva smentito anche di possedere un’ascia in casa con la quale, secondo gli inquirenti, avrebbe minacciato di morte l’ex compagna. Stando invece al quadro accusatorio lo scorso mese di giugno, l’uomo avrebbe aggredito e picchiato la sua ex convivente, procurandole gravi lesioni personali, minacciandola anche di morte con l’uso di un’ascia. Le indagini, immediatamente avviate dal personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Sulmona, coordinata dall’ispettore Daniele L’Erario, hanno consentito di ricostruire l’accaduto e acquisire elementi di responsabilità in capo all’uomo, che è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica per lesioni personali pluriaggravate e minaccia aggravata. Nel corso della perquisizione domiciliare, effettuata all’atto dell’arresto, il personale operante aveva rinvenuto e sequestrato l’ascia utilizzata per la minaccia. Ma oggi il riesame ha accolto l’istanza di scarcerazione, depositata dagli avvocati Alessandro Margiotta e Catia Puglielli, che stanno predisponendo anche una nota per l’ex convivente. “Recentemente sappiamo che è entrata in casa del nostro assistito per accudire il cane. Onde evitare il ripetersi di situazioni spiacevoli invitiamo anche lei a mantenere la giusta distanza”- fa sapere la Puglielli. Un’esortazione conseguenziale alla decisione del Riesame che scarcera il 53 enne disponendo però il divieto di avvicinamento all’ex convivente.

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com