banner
banner

SULMONA – La determina dirigenziale è attesa per oggi a Palazzo San Francesco mentre il cantiere materialmente potrà aprire da lunedì 4 ottobre. Per via del Cavallaro e via don Bosco finalmente si vede la luce dopo anni di proteste, interventi sbagliati e fiumi di annunci che altro non hanno fatto che esasperare i residenti.  Gli interventi, da 60 mila euro, riguardano il rifacimento della rete fognaria che recentemente ha recato diversi problemi ai residenti nelle giornate di pioggia incessante. Nelle scorse settimane, il portavoce del quartiere Fidio Bianchi, si recò a Palazzo San Francesco con una tanica di liquami in segno di protesta. “Abbiamo reperito i fondi e dato l’incarico per il progetto per sbloccare un’annosa situazione”- spiega l’assessore comunale, Salvatore Zavarella. Una situazione che va avanti ormai da sette anni e che ha coinvolto le due amministrazioni che si sono succedute. Dopo aver costituito un comitato spontaneo e stanchi di aspettare  il Comune, i residenti si erano rivolti alla Asl interessando con un esposto anche la procura della Repubblica. A dire il vero negli anni passati il Comune aveva messo mano alla situazione incaricando una ditta di sistemare le fognature e la strada. Lavori che per mancanza di fondi non sarebbero stati mai ultimati, con il risultato di avere case e scantinati invasi, ogni volta che piove, dai liquami. Risorse economiche e lavori va precisato, come rimarca il vice sindaco Marina Bianco, sono stati inseriti nel piano delle opere pubbliche già a marzo 2021. Dalla scorsa primavera erano infatti programmati. Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento