banner
banner

SULMONA – Quel sorriso splendente disarmava chiunque. Aveva solo 17 anni. Tanti sogni nel cassetto. Una vita da vivere, programmare e raccontare. La città resta sotto shock per l’improvvisa morte di Libero Passoforte, il 17 enne sulmonese deceduto lo scorso lunedì nel reparto di rianimazione dell’ospedale dell’Annunziata per una sospetta meningite pneumococcica, dopo un ricovero di un giorno. Liberato, questo il nome del ragazzo, era stato ricoverato al Bambino Gesù di Roma per problematiche pregresse. Si era ripreso tant’è che lo scorso venerdì era uscito con gli amici per la serata. “Aveva accennato al fatto che non si sentiva molto ma era tutto sotto controllo. Abbiamo passato una bella serata insieme e nessuna poteva immaginare questa fine”- raccontano i suoi coetanei in fila nella camera ardente. Cordoglio arriva anche dal comune di Sulmona. “Il Sindaco Gianfranco Di Piero e l’Amministrazione comunale sono vicini ai familiari per la improvvisa e prematura perdita del giovanissimo Liberato Passoforte, esprimendo loro cordoglio e solidarietà”- si legge in una nota. Se si è trattato o meno di meningite non virale, come hanno diagnosticato i medici, si saprà nelle prossime settimane quando arriveranno i referti dei prelievi biologici che servono a dare luogo all’indagine colturale. Resta il dolore e la lacerazione più profonda. Oggi è il giorno dell’ultimo saluto.

banner

Lascia un commento