banner
sequenza-39-00_12_37_24-immagine002

SULMONA – Sulmona rompe la tregua, si allarga il fronte di Pratola e torna lo spettro del contagio a Roccacasale. E’ di 29 nuovi casi, un decesso e sei classi in isolamento, il bilancio del Coronavirus per la giornata del 10 marzo in Centro Abruzzo. Un’impennata che preoccupa, a fronte della variante Covid che avanza, e che tiene tutti con il fiato sospeso, piccoli centri in primis, dalla Valle Peligna all’Alto Sangro. I nuovi casi tracciati dalla Asl risultano così domiciliati: 5 Sulmona, 5 Pratola Peligna, 5 Castel Di Sangro, 4 Ateleta, 4 Roccacasale, 3 Rivisondoli,  1 Bugnara, 1 Roccaraso, 1 Scontrone. Nell’elenco c’è anche un bimbo di sei mesi domiciliato in Valle Peligna, il più giovane dei contagiati di oggi sul territorio regionale. Le sue condizioni fortunatamente sono buone. E’ rientrata anche la febbre comparsa nei giorni scorsi. I nuovi contagi coinvolgono diversi nuclei familiari, a fronte della ricostruzione della filiera dei contatti. Uno dei positivi sarebbe legato al famoso pranzo di San Cosimo anche se il fronte Covid è ancora tutto da ricostruire mentre altri quattro positivi potrebbero essere collegati a una prestazione sanitaria. Si rompe la tregua in città dopo tre giorni senza contagi. Era ancora troppo presto per cantare vittoria come avevamo previsto. Mentre per sei classi del Centro Abruzzo è stato attivato il monitoraggio sanitario da parte della Asl, tenendo conto del tracciamento a ritroso dei quattordici giorni. Si tratta di un asilo nido e una sezione della scuola dell’infanzia a Castel Di Sangro dopo la positività di alcuni minori. E ancora una sezione della scuola dell’infanzia di piazza Indipendenza a Pratola e tre classi della scuola media di Pratola per la positività di due docenti. Una giornata nera per il Centro Abruzzo se si considera che si è registrato anche il decesso di un 66 enne di Corfinio, Mauro Gualtieri, nella Medicina Covid di Sulmona. Un’altra vittima relativamente giovane che si aggiunge al registro Covid del Centro Abruzzo. L’uomo non aveva particolari patologie pregresse. Era risultato positivo lo scorso 27 febbraio ed era stato ricoverato in Medicina Covid il 5 marzo dopo la diagnosi da polmonite. Oggi il suo cuore ha cessato di battere. Un pomeriggio movimentato anche all’Incoronata per i vaccini over 80. Una donna è stata trasportata al pronto soccorso del vicino nosocomio per essere sottoposta agli accertamenti sanitari dopo l’inoculazione del vaccino. Il malore secondo i sanitari potrebbe essere dovuto a una reazione allergica fortunatamente non grave. In compenso la campagna vaccinale procede secondo calendario. Troppi fronti Covid si stanno aprendo sul territorio. Serve prudenza e massima attenzione per evitare il cosiddetto contagio a catena.

Andrea D’Aurelio

MAPPA ATTUALI POSITIVI

Ateleta 81, Sulmona 73, Castel Di Sangro 49, Pratola Peligna 36, Roccaraso 23, Castelvecchio Subequo 18, Campo Di Giove 15, Corfinio 13, Prezza 11, Scontrone 11, Raiano 9, Rivisondoli 9, Introdacqua 8, Pescocostanzo 8, Roccacasale 6, Vittorito 6, Barrea 3, 2 Goriano Sicoli, 1 Secinaro, 1 Gagliano Aterno.. + fuori ambito

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Per continuare ad utilizzare il sito bisogna consentire i cookie maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close