banner
banner

INTRODACQUA – “Il Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso interceda a nostro favore presso il governo centrale perché si arrivi allo sblocco dei fondi, in modo tale che anche la comunità di Introdacqua avrà la nuova scuola”. A smuovere le acque in queste ore è il primo cittadino Terenzio Di Censo, all’indomani del suono della prima campanella nei locali dell’incubatore delle attività produttive, allestito in tempi record come plesso scolastico. “Questa è una soluzione provvisoria e deve rimanere tale”- tiene a precisare il sindaco che rimarca: “dopo il sisma del 2009, motivo per cui è stata fatta la valutazione di vulnerabilità sismica, il coefficiente del plesso scolastico era pari a 0,26. Abbiamo fatto richiesta di contributo, presentato progetto definitivo che è stato ammesso a un finanziamento di circa 900 mila euro che avrebbe portato però a un nuovo indice di 0,60. E’ stato l’Usr a quel punto a proporci centomila euro in più per costruire una nuova scuola, ma di fatto quei fondi sono bloccati”- spiega il sindaco. “Visto che abbiamo spostato i ragazzi nella sede dell’incubatore, è ora di pensare a un intervento concreto anche per Introdacqua”- conclude Di Censo. La nuova scuola dovrebbe sorgere nella zona peep del paese. Trattative sono in corso con il proprietario.

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento