banner
banner

SULMONA – Un 77 enne di Teramo è stato rinviato a giudizio con l’accusa di omicidio stradale, per aver cagionato cioè il decesso di Ferdinando Ranalli. Il sinistro mortale si verificò il 29 luglio 2021 sulla statale 17 tra Rocca Pia e Pettorano sul Gizio. Erano le 20 quando Ranalli in sella al suo scooter stava tornando da Rivisondoli dove aveva passato un’allegra giornata in compagnia di amici. Con lui il fratello e altri due amici, ognuno in sella alla propria moto quando, percorrendo la statale 17 tra RoccaPia e Pettorano, dietro di loro è arrivata una Mercedes a forte velocità (84 km/h) condotta dal 77enne di Teramo. In quel momento in senso contrario proveniva un’altra auto e forse proprio per evitare lo scontro frontale che il conducente della Mercedes sarebbe rientrato nella sua corsia travolgendo lo scooter sul quale viaggiava Ranalli. Nell’urto Ranalli è finito rovinosamente a terra e poi contro il muro di contenimento che delimita la strada. Un impatto violento che gli ha provocato un grave politrauma cranico e un’emorragia all’addome. Lesioni gravissime tant’è che spirò la sera stessa in ospedale

Lascia un commento