banner
banner

SULMONA – 1158 interventi effettuati nell’annata 2022 di cui 264 per apertura porta, 129 per incendio di sterpaglie o roghi in montagna e 34 per incidenti stradali. Il consuntivo dei Vigili del Fuoco è stato presentato nel corso della consueta ricorrenza di Santa Barbara, l’ultima per il Capo Distaccamento, Dario Gasbarro, prossimo al collocamento a riposo. Pompieri schierati e sirene spiegate per omaggiare la patrona e per spingere il piede sull’acceleratore per l’individuazione della nuova caserma. Nella sede della circonvallazione occidentale si sta ormai troppo stretti. Il Comune di Sulmona tornerà a breve a Roma dopo la richiesta di incontro con il Comando Nazionale per sbrogliare la matassa. Recentemente la Giunta Comunale aveva formalizzato il no definitivo all’ex Caserma Battisti, selezionando l’area dell’ex Casa Santa dell’Annunziata, collocata al bivio della Badia di fronte all’Europa Park Hotel, come area preliminare. Fermo restando che l’ente si rimette ai Vigili del Fuoco per una decisione finale. Negli ultimi mesi è stato il vice sindaco, Franco Casciani, ad insistere e riprendere le fila del discorso, poichè i Vigili del Fuoco hanno sempre chiesto una nuova caserma in un’area logisticamente importante per immettersi con facilità nei percorsi urbani ed extraurbani. Va ricordato il vasto territorio che devono ricoprire, che va da Vittorito a Scanno, fino all’Alto Sangro. Uno nuovo spazio significa, infine, poter concentrare anche mezzi strategici in loco come l’autoscala per le emergenze che è stata recentemente delocalizzata ad Isernia. Il vulnus si è toccato con mano nei mesi scorsi per l’incendio in abitazione alla Badia e per eseguire un provvedimento sanitario nella centralissima piazza Garibaldi.

banner

Lascia un commento