banner
banner

CASTEL DI SANGRO – Guidava probabilmente in stato di alterazione il 52 enne di Ateleta, C.D., che ha travolto nella notte due motociclisti nei pressi di un distributore di benzina, tra cui la 26 enne originaria di Napoli che è morta nello schianto. Ad accertarlo sono stati i Carabinieri della compagnia di Castel Di Sangro che lo hanno recuperato nella sua abitazione dove si era nascosto in preda al panico. Il 52 enne, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Sulmona Stefano Iafolla, è stato sottoposto al fermo di polizia giudiziaria  e ristretto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida. Stando alla ricostruzione dei militari si è appreso che, nlla notte tra il 9 ed il 10 agosto 2021 si è verificato un grave incidente stradale ad Ateleta presso il km 27,1 della SS 652, che ha visto coinvolti un’autovettura condotta da un 52nne del posto ed un motociclo su cui viaggiavano una coppia di turisti. L’autovettura, sopraggiunta a forte velocità, ha travolto da dietro gli ignari motociclisti che viaggiavano sulla stessa direzione di marcia, trascinandoli sull’asfalto per centinaia di metri. Il conducente dell’autovettura, ha abbandonato il veicolo sul ciglio della strada, omettendo di prestare soccorso, e si è dileguato nelle campagne circostanti.  A seguito dell’impatto il conducente 32nne del motoveicolo ha riportato lesioni giudicate guaribili in 30 giorni  mentre la passeggera 26nne, in conseguenza delle gravi lesioni riportate, è deceduta presso il pronto soccorso dell’Ospedale Civile di Castel di Sangro dove era stata trasportata per le cure del caso. Nella mattinata odierna, la persona ricercata è stata ritrovata all’interno della sua abitazione dove si era  nascosto in preda al panico e stremato dalla notte passata in fuga. Gli investigatori dell’Arma, sulla base degli elementi di prova raccolti nel corso delle indagini, corroborati dai risultati delle analisi sui fluidi biologici che hanno evidenziato positività ai cannabinoidi, hanno sottoposto il soggetto a fermo di polizia giudiziaria per i reati di omicidio stradale aggravato poiché commesso sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, omissione di soccorso e lesioni personali stradali. L’autorità giudiziaria ha applicato la misura cautelare degli arresti domiciliari. La salma della giovane è stata trasferita nell’obitorio dell’ospedale peligno in attesa di autopsia che si svolgerà domattina. (a.d’.a.)

foto Teleasse

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com