banner
banner
banner

SULMONA – La “gestione casalinga” del Covid fa crollare il numero di contagi sul territorio peligno-sangrino. Sono appena 20 le positività confluite nel referto odierno, comprese 2 reinfezioni, distribuite sui vari centri del comprensorio: Sulmona 10, Rivisondoli 2, Castel di Sangro 2, Vittorito 1, Scanno 1, Prezza 1, Pratola Peligna 1, Introdacqua 1, Goriano Sicoli 1. Appare evidente il netto concentramento della pressione del virus sul versante sulmonese. Il capoluogo peligno mette a referto esattamente la metà dei nuovi casi accertati. La curva epidemiologica, dopo la parentesi di ieri, torna a scendere. La scorsa settimana erano stati annotati 39 contagi sui registri Asl mentre lo scorso 23 novembre ne erano 31. Un calo che è dovuto principalmente alla gestione fai da te del post emergenza. Il carattere endemico del post pandemia non frena le attenzioni sui luoghi sensibili del territorio. Resta sotto osservazione la RSA di Alfedena dove sono emerse 12 positività tra gli ospiti. Intanto, con un giorno di anticipo sulla tabella di marcia per via della festività, si registra un nuovo crollo sul fronte degli attuali positivi. Sono 294 compresi 7 degenti di cui uno in terapia intensiva. Ammontano quindi a quota 64 il numero delle guarigioni settimanali. Nei prossimi giorni i tamponi faranno festa nel senso che la seduta del drive in, prevista per venerdì 9 dicembre, non si svolgerà. Infine sul registro del Covid si conta un’altra vittima, una 95 enne che era tenuta sotto osservazione nell’area grigia dell’ospedale di Sulmona dove continua la staffetta di pazienti fragili.

banner

Lascia un commento