banner
banner

ROMA – Sulmona nella lista dei siti italiani patrimonio dell’Unesco. La proposta è di Vittorio Sgarbi, parlamentare e da poche settimane delegato nazionale dell’Anci per la promozione dei beni culturali. «E’ una proposta – spiega Sgarbi – che, in accordo con le autorità regionali, promuoverò formalmente solo quando la città si sarà liberata dalla subcultura espressa dall’attuale amministrazione sostenuta dal partito degli ignoranti, il Movimento 5 Stelle». Intanto Sgarbi si prepara alle prossime elezioni amministrative: «La lista “Rinascimento a Sulmona” sostiene la necessità di una nuova attenzione per una grande città come Sulmona, i cui monumenti sono in un degrado intollerabile. Intendiamo stabilire un rapporto d’intesa con tutti gli esponenti dell’opposizione all’attuale amministrazione, valutando l’opportunità di sostenere la candidatura di un cittadino di Sulmona, e considerando, tra le ipotesi significative, personalità di grande rigore e impegno, come Roberta Salvati». Sgarbi pensa già alle trattative con i futuri alleati: «Con la speranza che il vaccino, che già da oggi viene distribuito in Inghilterra, arrivi finalmente anche in Italia per ristabilire la normalità, propongo un incontro con gli esponenti dell’opposizione entro tempi brevi, per iniziare la campagna elettorale già nel mese di gennaio. Agli incapaci che hanno lasciato in decadenza la città di Sulmona è giusto dire: “Giù la maschera”». Dopo la querelle con il sindaco il deputato dà seguito al suo annuncio di scendere in campo nelle prossime amministrative. Non sarà facile però individuare la rosa dei nomi. Dopo la passeggiata in centro storico con la consigliera di Fratelli d’Italia, Elisabetta Bianchi, il critico d’arte lancia il nome della Salvati. (a.d’.a)

l’Ufficio Stampa

banner

Lascia un commento