banner
banner
banner

PRATOLA PELIGNA – “Meglio un disagio che un disastro”. Si sfoga così il sindaco di Pratola Peligna Antonio De Crescentiis nel corso dell’assemblea che si è svolta ieri all’Iti di Pratola Peligna alla presenza delle famiglie degli studenti e del Dirigente Scolastico Massimo Di Paolo, in merito alla temporea soluzione del turno pomeridiano all’edificio del “Da Vinci” di Pratola per gli alunni delle scuole primarie e secondaria di primo grado. Le famiglie pratolane nel corso della riunione di sabato sera al Teatro D’Andrea avevano detto no ai doppi turni, pretendendo dall’amministrazione tempi certi per la durata del trasferimento all’Iti. “Questa è la scuola più sicura che c’è nel nostro Comune, l’edificio più recente costruito sul territorio comunale”, rimarca il sindaco De Crescentiis. I genitori però hanno chiesto di controllare i documenti. “Ribadisco per l’ennesima volta e per chi non l’avesse ancora capito che si tratta di una soluzione temporanea. Sul sito del Comune stiamo pubblicando un avviso pubblico dove si chiede il reperimento di immobili comunali. Il nostro obiettivo è quello di limitare la scuola di pomeriggio a un periodo breve”- prosegue il sindaco. Ad accogliere le famiglie è stato il preside dell’Istituto Massimo Di Paolo che ha spiegato l’organizzazione di orari e corsi. Se da un lato qualcuno prova a stringere i denti davanti l’ipotesi del doppio turno come soluzione tampone, dall’altro c’è chi non ne vuole proprio sentire parlare e non ha perso tempo per iscrivere il proprio figlio a un altro plesso scolastico del territorio.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento