banner
banner

SULMONA – Uno spuntino a metà pomeriggio, giusto per mettere qualcosa sullo stomaco. Per il resto i sulmonesi sembrano attenti al corpo e alla linea, almeno quelli intervistati da Onda Tg. C’è chi da quando è andato in pensione mantiene un regime alimentare più sano. Prima da operaio, specialmente ad ora di pranzo, mangiava solo qualche panino e tendeva a stuzzicare di qua e di là. Premurosi per il benessere e l’estetica le donne e i giovani che si sono avvicinati al microfono. Qualcuno ripudia addirittura i fuori pasto, pur contravvenendo ai consigli del nutrizionista. Se sia corretto o meno mangiare al di là degli orari canonici lo spiega la sulmonese Veronica Pacella. “Tra le 10 e le 11 di mattina e tra le 16 e le 18 del pomeriggio è consigliabile assecondare il senso di fame, preferendo frutta fresca di stagione accompagnata da frutta secca con uno yougurt. Si consiglia caldamente di prepararsi al pasto consumando alimenti crudi ricchi di enzimi digestivi, come la verdura cruda altrimenti si producono enzimi che appesantiscono troppo la digestione, per questo è sbagliatissimo spizzicare prima dei pasti salumi, formaggi e alimenti confezionati”- spiega la nutrizionista e life coach che raccomanda una colazione abbondante per evitare di avere eccessive carenze di fame nel corso della giornata. Si ai fuori pasto dunque ma solo con alimenti di qualità.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento