banner
banner

SULMONA – Sarà pronto per il 2028 il progetto del radio-telescopio più potente al mondo che porta la firma dell’ingegnere sulmonese, Lucio Tirone. A parlarne è stato il diretto interessato ai nostri microfoni, nel corso del suo brevissimo rientro in città per assistere al Premio Sulmona. Il professionista, ingegnere elettronico, laureato con il massimo dei voti e la lode nell’Università dell’Aquila, è stato infatti selezionato come Capo Responsabile della realizzazione di un progetto scientifico tra i più importanti del mondo, lo SKA (Square Kilometer Array). Il progetto è sostenuto da sedici nazioni, tra cui l’Italia con un ruolo di primo livello, che consiste nella costruzione di due mega radio-telescopi in Australia e Sud Africa, ed è il progetto più ambizioso mai realizzato nell’astrofisica, in campo mondiale, con un costo di quasi due miliardi di euro. “E un progetto che sta unendo le comunità in un momento storico dove si assiste ad un clima di conflitto”- ha sottolineato Tirone che a dicembre riceverà il riconoscimento del Lions Club di Sulmona. Il sulmonese “eccellenza nel deserto”, dove si è recato da luglio 2021, mantiene intatto il legame con la terra sulmonese di origine seguendo il nostro notiziario sulla pagina facebook nonchè la rubrica del martedì a cura di Carlo Di Ruscio, l’ex maresciallo dei Nas ora divenuto mister aforisma. Qui il servizio completo https://youtu.be/qLwLhQHn3wE

Lascia un commento