banner
banner

TORINO – Sarebbe stata sbalzata per circa sette metri sull’asfalto dopo essere stata travolta sulle strisce pedonali da un’auto. La brutta disavventura è capitata ad una giovane sulmonese fuori sede che nei giorni scorsi è stata dimessa dall’ospedale di Torino, dove era stata trasferita d’urgenza in ambulanza, con una prognosi di almeno tre mesi. Non proprio uno scherzo dal momento che la malcapitata, subito dopo l’incidente, aveva perso conoscenza ed ha riaperto gli occhi solo grazie alle cure somministrate dai sanitari. Erano circa le 20 dello scorso sabato quando la donna, mentre stava raggiungendo le amiche per la serata, è stata travolta sulle strisce pedonali mentre attraversa la strada da una Fiat Punto condotta da un coetaneo. Un impatto violento che l’ha fatta sbalzare per circa sette metri sulla strada. Tracce di sangue sono ancora visibili a distanza di una settimana. A quel punto è partita la corsa in ospedale dove la giovane è stata trasportata in stato di incoscienza. All’esito dei primi accertamenti e delle terapie somministrate si è fortunatamente ripresa ma le lesioni riportate al bacino e alla colonna vertebrale sono comunque importanti. Ne avrà almeno per tre mesi come hanno sentenziato i sanitari. Sul caso sono stati svolti gli accertamenti della Polizia Locale di Torino, dove la giovane si trova per ragioni di studio. Ora la sulmonese sta affrontando la convalescenza nella sua “seconda abitazione”. Una tragedia sfiorata, per dirla con le parole dei suoi familiari, che fortunatamente si può raccontare e che deve servire per alzare l’asticella della prudenza sulle strade torinesi e non solo.

banner

Lascia un commento