banner
banner

SULMONA – Prendere una posizione sul riordino delle diocesi in Italia, riforma che penalizzerebbe di non poco la Chiesa diocesana di Sulmona-Valva con l’accorpamento ad Avezzano. Questo il senso del Consiglio Pastorale diocesano che si riunirà domani alle ore 18,30, in sessione straordinaria, nel Centro Pastorale di viale Roosevelt. Nei giorni scorsi sono stati tutti i presbiteri della diocesi a fare appello al Presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, perché la diocesi resti autonoma con il suo vescovo. “Il disinteresse delle istituzioni, gli scellerati calcoli politici ci hanno reso e ci stanno rendendo ancora e sempre più periferia geografica ed esistenziale”, osservano i sacerdoti. “Ma non sono le periferie, tanto care a Papa Francesco, ad aver bisogno di più attenzione, di più solidarietà, vicinanza, aiuto, ad avere il diritto ad esistere?”, si chiedono i prelati che aggiungono: “ la Madre Chiesa, e noi presbiteri crediamo che tale sia la Chiesa, non decreti la nostra morte per un “qualcosa” poi di cui non comprendiamo la ragione”. Alla seduta di domani, presieduta dal vescovo Angelo Spina, parteciperanno sacerdoti, religiosi e laici nonché i responsabili dei vari uffici pastorali presenti sul territorio diocesano.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento