banner
banner

SULMONA – Anche quest’anno risuona il no alla violenza di genere, ma i casi sul territorio non mancano. Dall’apertura del centro antiviolenza La Libellula di Sulmona (2008) ad oggi sono state prese in carico 227 donne. Dall’apertura della Casa delle donne (2005) ad oggi sono pervenute 128 richieste di ingresso e sono state ospitate nella struttura 33 donne e 39 minori. Dall’inizio del 2016 le nuove segnalazioni sono state 21 e le persone prese in carico 32. Dati non troppo rassicuranti se si considera che l’Abruzzo, in quanto a violenza di genere, è maglia nera. L’età media delle donne che si sono rivolte al centro è di 39 anni, con la più giovane di 18 e la più grande di 59. L’87 per cento di loro è italiana, il 13 è straniera. La gravità della violenza è che è di tipo affettiva, cioè da parte dei partner, nel 38 per cento e nel 44 di ex, per questo il 60 per cento non lascia il suo uomo violento. Nel 100 per cento dei casi le donne hanno subito violenza psicologica, il 50 per cento fisica e 56 economica. Da rilevare fra l’altro che nel 58 per cento dei casi la donna che subisce violenza non lavora. Oltre alla disoccupazione, un altro fenomeno gravissimo è la violenza assistita, che riguarda tutti i figli delle mamme vittime di violenza, col 40 per cento di loro che ha subito a sua volta violenza diretta, con conseguenze comportamentali, cognitive e relazionali. Per contrastare il fenomeno si punta a un protocollo operativo che vedrà il Comune di Sulmona scendere in campo al fianco delle associazioni, delle cooperative e degli addetti ai lavori. Da un anno a questa parte anche nell’Alto Sangro è stato aperto lo sportello “La Ninfea” che ha preso in carico dieci donne con età media di 38 anni. Questa sera alle ore 21 al Cinema Pacifico anche il teatro si porrà di traverso alla violenza di genere con lo spettacolo “Riprendiamoci i nostri sorrisi”, curato dall’associazione culturale Arianna in collaborazione con la Horizon. Alla violenza di genere è giunto il momento di dire basta, non solo oggi.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento