banner
banner
banner

CAMPO DI GIOVE – “Tranquilli, stiamo bene e siamo arrivati sani e salvi”. Queste le prime parole dei marciatori del sedicesimo Sentiero della Libertà che dopo la prima giornata di cammino ha raggiunto, come previsto nel protocollo della manifestazione, il Comune di Campo di Giove. Un percorso quest’anno reso viscido dalla pioggia che, in ogni caso, non ha recato particolari problemi lungo il sentiero. “ Nel corso della pausa pranzo splendeva il sole”- racconta Antonio De Capite Mancini- uno dei marciatori. “ Devo dire che al termine di questa prima tappa non possiamo che essere soddisfatti. Il Freedom di quest’anno è abbastanza eterogeneo. Abbiamo con noi tantissimi studenti delle scuole medie e la piccola Adelaide che a cinque anni percorre il sentiero per la seconda volta consecutiva. Ora ci godiamo la festa con il paese e domani proseguiremo il cammino”, aggiunge il giovane di Pacentro. Alla marcia della libertà quest’anno partecipano all’incirca 500 persone, alcune provenienti da Cuneo, Brescia e Roma. Domani il Freedom Trail raggiungerà la comunità di Taranta Peligna per arrivare lunedì 25 aprile al Comune di Casoli, ultima tappa della tre giorni. Un momento straordinario per ricordare il passato, un atto dovuto alla memoria di eventi che hanno segnato per sempre la storia del nostro paese.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento