banner
banner

Ottobre è stato il mese del progetto ‘Esserci’, ideato dalla Fondazione Media Literacy e portato in tre scuole del capoluogo con l’obiettivo di ricostruire la comunità e l’appartenenza al territorio colpito dal terremoto grazie a programmi radiofonici che permettono di esprimersi e di unire le giovani generazioni abruzzesi.

A 13 anni dal violento terremoto che ha sconvolto la provincia e dopo un decennio di ricostruzione fisica del territorio il progetto si occupa della ripartenza immateriale e quindi di riconnettere la comunità abruzzese. Le scuole interessate sono l’Istituto Comprensivo San Demetrio di Rocca di Mezzo, il Liceo Torlonia di Avezzano e l’Istituto Comprensivo di Celano alle quali sono stati donati tre radiokit e, fino a dicembre, lezioni di giornalismo per i ragazzi, coinvolgendoli attivamente e in maniera interattiva sulle tematiche sociali, ambientali e territoriali.

La Fondazione Media Literacy opera nelle scuole di tutta Italia nell’educazione ai media organizzando corsi di scrittura giornalistica e laboratori radiofonici, ma anche convegni e incontri di cultura e aggregazione giovanile, interagendo con le istituzioni locali e nazionali.

La radio è uno strumento di comunicazione che, oltre ad abbattere le distanze fisiche, permette di esprimersi liberamente e di unire i ragazzi, riconnettendo reciprocamente e sensibilizzandoli su argomenti specifici. Il progetto prevede infatti corsi di formazione online e quattro workshop in presenza tenuti nelle classi dai giornalisti professionisti della Fondazione. I ragazzi, al termine dei workshop, avranno raggiunto l’autonomia necessaria per poter realizzare delle trasmissioni, articoli e podcast per far conoscere, in maniera interattiva e più coinvolgente, il territorio d’appartenenza e, allo stesso tempo, connettere le varie voci e realtà abruzzesi. L’IC di Rocca di Mezzo, nel cuore del Parco Nazionale del Sirente Velino, è stata la prima scuola a ricevere radiokit e incontri laboratoriali con i giornalisti della Fondazione realizzando così una serie di podcast incentrati sul racconto dell’altopiano delle Rocche, dal simpatico titolo di “Rocche&roll”: puntate che raccolgono le voci di ragazzi e ragazzi della seconda media sull’importanza dello sci per l’Abruzzo, sulla tutela dell’orso marsicano e del fascino del Massiccio del Gran Sasso, il monte più alto dell’Appennino. Una radio per parlare, per connettersi, scoprire e riscoprire un territorio ferito, ma ricco di bellezze e storie da raccontare e condividere.

Lascia un commento