banner
banner
banner

“Facciamo chiarezza: le scuole del Comune dell’Aquila sono in fase avanzata di realizzazione o progettazione e saranno ultimate o avviate entro il termine del mandato. Non ci siamo limitati al mero ragionamento del ‘dov’era, com’era’, tanto caro a chi ci ha preceduto. È stato fatto un lavoro di prospettiva, rispettoso delle frazioni e delle periferie oltre che del centro storico, con uno sguardo rivolto al futuro della città con progetti ambiziosi, come già fatto per il polo scolastico di Collemaggio e Paganica”.

Lo scrivono, in una nota, i capogruppo di maggioranza in Consiglio comunale, con cui rispondono all’opposizione che accusa  l’amministrazione Biondi di non avere a cuore il futuro delle scuole e dei giovani aquilani. Per i capogruppo, “si tratta delle solite chiacchiere al vento da parte di un’opposizione smarrita, guidata dalla Pezzopane che, di volta in volta, tratta ogni argomento per arrivare sempre a conclusioni pretestuose solo per scagliarsi contro la maggioranza”.

“Portano avanti un’opposizione inopportuna nel metodo in quanto continuano a chiedere commissioni prima e consigli comunali poi, reiterando così discussioni già affrontate. Sono imbarazzanti anche nel merito, con il solito ritornello che parla di una mancanza di visione della città e di ritardi – come in questo caso – insinuando una scarsa attenzione verso la ricostruzione delle scuole”.

“A chi oggi si butta con spavalderia contro l’amministrazione guidata dal nostro sindaco, Pierluigi Biondi, è bene ricordare che nei due mandati di governo di sinistra non è stata portata a conclusione nemmeno una scuola. E oggi appare paradossale che gli stessi si posizionino come salvatori della patria”.

“A proposito di giovani, li invitiamo a prendere atto, uno tra tutti, dell’investimento da 60 milioni di euro per la realizzazione della Scuola Nazionale del Servizio Civile Universale che renderà L’Aquila centrale dal punto di vista dell’attrattività per le nuove generazioni. A questo punto attendiamo il Consiglio comunale straordinario: sarà l’ennesima occasione per evidenziare il lavoro che si sta facendo e la loro faziosità”.

banner

Lascia un commento