banner
banner

L’Aquila perde un personaggio simbolo della cultura aquilana e abruzzese: Federico Fiorenza, per oltre mezzo secolo riferimento del mondo teatrale, direttore del Teatro Stabile de L’Aquila . A portarlo via è stato il Covid, non si era vaccinato e, una volta colpito dal virus, era stato ricoverato prima nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale dell’Aquila e poi, all’aggravarsi delle sue condizioni, era stato trasferito al G8. A giugno aveva festeggiato 80 anni. Una carriera con esperienza di rilievo in campo nazionale e internazionale.

“Ho appreso con dolore della scomparsa di Federico Fiorenza – ha detto il sindaco Pierluigi Biondi – personalità eccentrica e dalla grande passione per il teatro. Fiorenza ha segnato un periodo vivace e intenso della cultura dell’Aquila. Ai familiari, agli amici ea quanti lo conoscevano, il cordoglio della municipalità e mio personale”. Anche l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila esprime cordoglio per la scomparsa di Fiorenza, “instancabile protagonista della vita culturale della nostra città e del nostro territorio; la sua morte – dichiara il Presidente Rinaldo Tordera – lascerà un grande vuoto nel panorama culturale della nostra città. Mancherà il suo estro e il suo intuito di anticipatore. L’Accademia di Belle Arti si unisce al dolore dell’intera comunità ed esprime vicinanza famiglia”.

Lascia un commento