banner
banner

Oltre un centinaio i partecipanti al webinar di giovedi’ scorso organizzato dal Responsabile Regionale Politiche Giovanili di Abruzzo in Azione Simone Cococcia, sul tema “Abruzzo 2021: Disoccupazione giovanile e Formazione Professionale- Status Quo”. All’incontro ha preso parte anche Giulia Bigoni consigliere regionale dell’Emilia Romagna e responsabile nazionale di Azione per le Politiche Giovanili. Dal confronto sono emersi dati a dir poco preoccupanti sullo stato dell’arte per quanto riguarda la formazione professionale in Abruzzo. Intanto l’ 11,4% delle ragazze e l’8.4% dei ragazzi abruzzesi fino ai 15 anni, lascia lo studio, rispetto alla media del 7.9% delle vicine Marche. Nella fascia d’eta’ tra i 15 ed i 24 anni, poco piu’ del 39% sono i giovani che rinunciano alla formazione, richiedendo una dimensione professionale anticipata, mentre nella fascia tra i 25 ed i 34 anni, secondo lo studio di Simone Cococcia, l’Abruzzo sconta una minore preparazione scolastica e minore formazione professionale precedente, con l’inevitabile e maggiore esclusione dal lavoro. C’e’ poi il dato sulla categoria dei cosiddetti NEET, cioe’ coloro che non hanno e non cercano un lavoro e non frequentano corsi di formazione, e qui la percentuale nella nostra Regione e’ pari al 18.2% per gli uomini e al 27.7% per le donne nella fascia d’eta’ tra i 15 ed i 34 anni, rispetto, sempre alle Marche, al 14.2% per gli uomini e al 23.1% per le donne (Fonte ISTAT). “In questo contesto – sostiene Abruzzo in Azione – la Regione sembra aver mollato definitivamente la presa sul Piano Formativo, con un misero 5.6% di giovani iscritti a corsi di formazione professionali indetti dalla Regione, del totale formato nazionale, ma soprattutto, sempre riferito al 2020, rispetto al 60.9% della Lombardia, sempre del totale formato nazionale, questo secondo i dati forniti dal MIUR. Sembra che i giovani abruzzesi non siano poi cosi’ interessati alla proposta di piano formativo della Regione e come dargli torto se consideriamo l’altro dato, fornito questa volta dal sito agenzia coesione.gov.it, in base al quale l’Abruzzo e’ passato dal 7.41% d’investimenti per il personale dedicato alla Formazione Professionale nel 2012, al 3.88% del 2018, fino al misero 1.93% del 2020”. Nelle proposte lanciate da Azione, a livello nazionale, su come investire i fondi del Recovery Plan, una fetta importante e’ riservata proprio al settore della formazione e della scuola in un Paese, come quello dell’Italia, che sconta un fortissimo ritardo rispetto al livello di preparazione dei giovani di altri paesi europei. “Anche per questa ragione – commenta Simone Cococcia – non possiamo non esprimere il nostro forte disappunto rispetto al modo in cui la Regione Abruzzo sta gestendo le Politiche Giovanili e da questo punto di vista chiediamo e continueremo un rapido cambio di passo”. “La crisi ha messo in risalto piu’ che mai che oggi sono necessarie le competenze – ha detto a chiusura degli interventi il Promotore di Abruzzo in Azione, Giulio Cesare Sottanelli – conoscere la tecnologia, lavorare ad una formazione dove ricerca e sviluppo siano propedeutici alla produzione. La scuola deve tornare a diffondere la bella attitudine alla lettura per approfondire le conoscenze culturali del nostro Paese in cui ogni territorio, e il nostro Abruzzo in tal senso e’ un fulgido esempio, ha un bagaglio di storia, tradizioni ma anche di competenze che aspettano di essere valorizzate”.

Lascia un commento

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com