banner
banner

SULMONA – “Di nuovo, come accaduto per il piano sanitario regionale, per la riorganizzazione dei tribunali, per il passaggio del metanodotto, le comunità dell’Abruzzo interno si presentano con iniziative, benchè legittime, frastornate e polverizzate, senza la minima coesione, visione e strategia significativa futuribile”. E’ quanto denuncia in una nota il Vice Presidente dell’associazione Ripensiamo il Territorio Gianni Natale, riferendosi al progetto autostradale di Strada dei Parchi. “Ci continuiamo a far del male”- rileva Natale- “rallentiamo i nostri processi decisionali e non inneschiamo alcun presupposto di crescita e conseguenziale sviluppo”. Secondo il Vice Presidente dell’associazione “non emerge alcun ruolo attivo del nostro territorio e lo si rende così perdente, dimostrando l’incapacità di progettare e realizzare l’adeguata coesione territoriale, sociale ed economica. Le iniziative risultano estemporanee, deleterie per la creazione della necessaria massa critica attiva e significativa che bisognerebbe, invece, avere ed esercitare”, rincara Natale che aggiunge: “Ripensiamo il territorio ritiene sempre più improcastinabile ed urgente la necessità che Sulmona si faccia capofila di un tavolo di vasta area delle amministrazioni comunali dell’Abruzzo interno dove dimostrare a tutti capacità di sintesi decisionale comune. E’ una grande ed ineludibile sfida di crescita progettuale che ormai va affrontata con la responsabilità di tutti”.

Andrea D’Aurelio

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com