banner
banner
banner

SULMONA – Il progetto pilota della campagna di prevenzione sismica, dopo il successo ottenuto nelle frazioni, sarà adottato anche nel centro storico e nella zona nuova della città di Sulmona. L’annuncio è arrivato ieri sera nel corso dell’ultimo incontro nella periferia di Bagnaturo dove i volontari del gruppo di Protezione Civile di Sulmona hanno illustrato ai residenti i comportamenti da adottare, dentro e fuori la propria abitazione, in caso di evento sismico. Una serie di informazioni utili, con tanto di slides alla mano, che hanno suscitato interesse e attenzione. Ai cittadini sono state indicate anche le aree di attesa da raggiungere in caso di terremoto. Da qui la proposta di rivedere il piano di emergenza comunale dal momento che, per quanto riguarda l’accesso a Bagnaturo, sorgerebbero non pochi problemi logistici. Tocca al consigliere comunale delegato alle frazioni Andrea Ramunno tirare le somme della campagna di prevenzione sismica. “Sono arrivate diverse proposte dal basso circa le aree di attesa che ora saranno prontamente valutate prima di aggiornare il piano”- sottolinea Ramunno- soddisfatto per la risposta dei residenti delle periferie. Parla di esordio positivo anche il referente del gruppo di protezione civile di Sulmona Riccardo Rucci. “Un progetto pilota da portare anche nel centro storico e nella zona nuova della città”- incalza Rucci. Sul fronte della prevenzione sismica l’attenzione resta altissima. A breve comincerà la mappatura degli edifici grazie alla task force dei 93 tecnici che stanno scaldando i motori. Un’altra corsa contro il tempo.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento