banner
banner

Alla Camera dei Deputati è stato approvato l’ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia al Decreto Semplificazioni con il quale si impegna il Governo a realizzare interventi tesi alla semplificazione e allo snellimento della ricostruzione pubblica e privata del Cratere sismico 2009; in pratica si valuta l’opportunità di attribuire ai sindaci e ai presidenti delle Province poteri commissariali al fine di garantire la rapida esecuzione degli interventi relativi alle opere pubbliche e la semplificazione delle procedure di ammissione a contributo delle pratiche di importo inferiore a 500.000 euro per gli interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione degli aggregati e dei condomini privati.

L’ordine del giorno ha avuto il parere favorevole del Governo dopo la bocciatura degli emendamenti presentati che hanno di fatto escluso il Sisma 2009 dal Decreto Semplificazioni.

Con questo ordine del giorno si impegna il Governo a valutare l’opportunità di attribuire ai sindaci e ai presidenti delle Province poteri commissariali al fine di garantire la rapida esecuzione degli interventi relativi alle opere pubbliche. Si prevede poi la semplificazione delle procedure di ammissione a contributo delle pratiche di importo inferiore a 500.000 euro per gli interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione degli aggregati e dei condomini privati. Un altro punto dell’ordine del giorno prevede l’accelerazione dei pagamenti dei Sal (stati di avanzamento dei lavori) a favore delle imprese e dei professionisti impegnati nel processo di ricostruzione nonché la semplificazione delle procedure che devono seguire i commissari degli aggregati interessati dagli interventi di ricostruzione privata, in particolare nella scelta dell’impresa appaltatrice e dei professionisti, che può avvenire facendo ricorso alle White list.

Viene richiesta, inoltre, la possibilità di cumulare i contributi post sisma 2009 con i benefici fiscali del sisma e l’ecobonus, cosi da poter realizzare interventi più completi e funzionali. L’ordine del giorno chiude con la richiesta di impegno del Governo di definire al 30 giugno 2021 il termine per la presentazione delle istanze di richiesta di contributo post sisma 2009

Ovviamente grande soddisfazione da parte del governatore Marsilio e del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, i quali affermano: “Nonostante la miopia del Governo e della maggioranza che ha fatto bocciare tutti gli emendamenti al Decreto Semplificazioni relativi al sisma 2009, l’approvazione dell’ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia rappresenta una nuova speranza per agevolare i processi di ricostruzione all’interno del cratere del Sisma 2009.  Rimarremo vigili nel verificare che il Governo mantenga gli impegni assunti per dare risposte concrete a una comunità che da oltre dieci anni convive con una burocrazia che spesso impedisce il ritorno a una normale quotidianità”.

banner

Lascia un commento