banner
banner

SULMONA – Un Consiglio Comunale straordinario sul tema della sanità. E’ quanto chiedono i sei consiglieri comunali di minoranza Bruno Di Masci, Alessandro Lucci, Antonio Di Rienzo, Francesco Perrotta, Alessandro De Gennaro e Fabio Ranalli al Presidente del Consiglio Comunale Katia Di Marzio. La richiesta formale è stata presentata nei giorni scorsi. L’opposizione vuole andare a fondo sulla questione della riorganizzazione sanitaria regionale e soprattutto sul futuro dell’ospedale Ss.ma Annunziata. Recentemente sul nosocomio peligno si sono riaccesi i riflettori all’indomani dell’incontro dei sindaci della Valle Peligna con l’assessore regionale alle aree interne Andrea Gerosolimo. Stando a quanto annunciato nel corso del vertice dello scorso 8 luglio a Palazzo San Francesco il presidio ospedaliero di Sulmona sarà dotato di 162 posti letto a fronte dei 146 attuali conservando 4 unità operative complesse (Cardiologia, Chirurgia, Medicina Generale e Ortopedia). Le unità operative semplici passeranno da 9 a 14 ed è prevista la permanenza delle unità operative e dei servizi attualmente presenti nell’ospedale di Sulmona. La nuova programmazione prevede  l’attivazione di una unità operativa complessa di lungodegenza dotata di 15 posti letto e l’arrivo della risonanza magnetica. Ma su questi temi la minoranza vuole un confronto politico. Domani intanto alle ore 17 sarà celebrato il secondo Consiglio Comunale dell’era Casini.

Andrea D’Aurelio

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com