banner
banner

SULMONA – Per la prima volta nella storia sale a Palazzo San Francesco una donna. Si chiama Annamaria Casini, 49 anni imprenditrice, eletta sindaco di Sulmona nel secondo turno delle elezioni amministrative. La Casini, candidata con la coalizione civica “Noi per Sulmona” ha chiuso la competizione elettorale incassando 6900 preferenze. Lo sfidante, il professore Bruno Di Masci, ex sindaco e ex consigliere regionale, si è fermato a 3659. Grande esplosione di gioia, al momento dell’ufficializzazione del voto, nel comitato elettorale di via Patini e nella marcia trionfale al Comune di Sulmona. Dall’elezione di Annamaria Casini si determina il seguente Consiglio Comunale: sui banchi della maggioranza siederanno Luigi Santilli, Alessandro Pantaleo e Franco Di Rocco ( Sulmona al Centro); Andrea Ramunno e Deborah D’Amico (Adesso Sulmona); i più votati Fabio Pingue e Katia Di Marzio ( Avanti Sulmona); Roberta Salvati ( Movimento Democratico); Angelo Amori ( Obiettivo 2026) e Mauro Tirabassi ( Alleanza per Sulmona). I sei seggi riservati alla minoranza sarebbero occupati da Bruno Di Masci, Alessandro Lucci, Elisabetta Bianchi, Antonio Di Rienzo ( La Sulmona che Vogliamo), Fabio Ranalli (Bruno Di Masci Sindaco) e Francesco Perrotta (Sulmona Viva). L’apparentamento siglato fra il primo e il secondo turno fra l’esponente di Forza Italia Elisabetta Bianchi e Bruno Di Masci ha fatto saltare il seggio in minoranza a Gianluca Petrella. La commissione elettorale dovrà ora procedere alla verifica delle schede e dei verbali. Seguirà la proclamazione degli eletti. Sulmona con l’elezione della Casini si tinge di rosa. E’ un giorno storico.

banner

Lascia un commento