banner
banner
banner

Secondo i dati raccolti dai circa 1000 questionari posti ai turisti dagli Info Point Iat del Comune dell’Aquila, gestiti dal Centro turistico del Gran Sasso, di piazza Battaglione degli Alpini e Fonte Cerreto, rispetto al 2020, nel estivo è cresciuto esponenzialmente il numero dei turisti stranieri all’Aquila. Dall’Italia, la gran parte  dei visitatori è arrivata dalle regioni del nord.  Sono venute molte famiglie da Inghilterra, Francia e Spagna ed è stata confermata la percentuale del 2020 dei turisti provenienti dalla Germania. Per quanto riguarda il territorio nazionale, l’80% dei visitatori è arrivato dal nord, soprattutto da Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. Il Maxxi ( Museo dell’arte del XXI secolo) particolarmente gettonato. I visitatori, nel questionario, hanno focalizzato l’attenzione sulle notizie e sui percorsi riguardanti i borghi montani, soprattutto quelli dell’area del Gran Sasso, e il centro storico dell’Aquila, per il suo valore architettonico e artistico e non più legato esclusivamente al terremoto del 2009. Oggetto di particolare interesse i prodotti di enogastronomia ei ristoranti tipici. Circa 500 i gruppi accompagnati in città e nel territorio dalle guide turistiche, attraverso le prenotazioni raccolte dagli Info Point. “Consolidamento di una rilevante presenza turistica in città, visto che nell’estate di quest’anno è stata ripetuta la performance del 2020” commenta il sindaco Pierluigi Biondi e l’assessore al Turismo, Fabrizia Aquilio. “La società Extreme, attraverso il progetto “Instagrammabile Italy”, ha realizzato una ricerca su oltre 400mila post reperiti su Instagram nei mesi di luglio e agosto. È emerso che L’Aquila è stata la più gettonata in Abruzzo nei mesi centrali dell’estate. Chiaramente il giudizio dei turisti ha evidenziato delle oggettive criticità: pochi bagni pubblici e necessità di maggiori luoghi di servizio di trasporto verso i luoghi di interesse turistico. Si tratta di informazioni utili per queste perdite e migliorare sempre più l’accoglienza “, concludono sindaco e assessore.

banner

Lascia un commento