banner
banner

Si è riunita oggi, a L’Aquila la giunta regionale, per l’approvazione dei seguenti provvedimenti: 

su proposta dell’assessore Nicoletta Verì, approvato quale recepimento del D.M. 77/2022, il Piano dell’assistenza territoriale della Regione Abruzzo che definisce la programmazione del nuovo assetto di rete.  Oltre agli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi dei servizi distrettuali e delle strutture sanitarie dedicate all’assistenza territoriale e al sistema di prevenzione in ambito sanitario il Piano si coordina con il POR PNRR Regione Abruzzo ed è finalizzato a definire i servizi entro cui organizzare l’impegno delle risorse finanziarie previste dal PNRR per la parte relativa alle voci di personale.

Approvati, inoltre, i piani triennali del fabbisogno di personale 2022-2024 delle Aziende sanitarie locali. I piani risultano coerenti e compatibili con i vincoli in materia di contenimento del costo di personale in quanto garantiscono il rispetto del tetto regionale pari a euro 706.068.000,00.

La Giunta regionale ha dato il via libera alla proposta dell’assessore Quaresimale di costituire una Consulta Regionale sul bullismo e cyber bullismo.

“La decisione di realizzare una Consulta regionale tutta dedicata al problema del bullismo – sottolinea Quaresimale – è un chiaro segnale di attenzione verso il mondo dei giovani e della complessa realtà che li circonda. L’obiettivo della Consulta è capire la consistenza del fenomeno nelle scuole abruzzesi, predisporre strumenti di prevenzioni e avviare campagne pubbliche di sensibilizzazione. Ma la Consulta-  aggiunge Quaresimale – dovrà anche essere luogo di confronto e di raccolta di proposte in modo da migliorare la risposta delle istituzioni pubbliche ad un problema che investe i giovani e le loro famiglie”. La Consulta sul bullismo e cyber bullismo è composta da 13 membri. Il coordinamento spetta all’assessore regionale all’Istruzione, i componenti sono: il Garante regionale per l’infanzia, il presidente del Corecom Abruzzo, quattro rappresentanti nominati dalle Asl, due rappresentanti del Terzo settore, un rappresentante nominato dal Coni e tre dirigenti della Regione Abruzzo. La Consulta è aperta al contributo di altre istituzioni o associazioni che potranno essere invitate in relazione all’ordine del giorno. Essa è destinata a lavorare in stretto contatto con l’Osservatorio regionale sul bullismo istituito presso l’Ufficio scolastico abruzzese.

banner

Lascia un commento