banner
banner
banner

SULMONA – Rinnovata la tradizione del 2 novembre, giorno della commemorazione dei fedeli defunti. Come ogni anno la gran parte dei sulmonesi, intervistati da Onda Tg, ha riferito di essere passata al Cimitero per un saluto e un gesto di suffragio sulla tomba dei propri cari. Quella di Ognissanti e della commemorazione del 2 novembre è una delle usanze più diffuse e radicate in Abruzzo come in Italia. A prevalere quest’anno- stando alle primissime informazioni- sarebbe stato il legame e il sentimento con chi è già passato a miglior vita. A farlo notare sono i fiorai che non hanno riscontrato un trend in crescita per le vendite dei fiori. Stesso discorsi vale per i lumini che solitamente vengono richiesti dai parenti dei congiunti scomparsi. Fedeli alla “Livella” di Toto secondo la quale la morte rende tutti uguali, quest’anno i sulmonesi si sono recati si al Cimitero ma con più cuore e meno fiori.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento