banner
banner

SULMONA- Nella triste escalation delle truffe il pacco arriva solitamente dai malviventi. Questa volta, grazie alle campagne di sensibilizzazione poste in essere, la situazione si è completamente capovolta. È stata una coraggiosa nonnina residente in città a dare il pacco alla banda, sventato la truffa e allertando le forze dell’ordine. L’episodio si è verificato nella serata di ieri. Un uomo avrebbe avvertito l’anziana di un incidente stradale nel quale sarebbe incappato il nipote. Al nipote, a causa delle conseguenze dell’incidente, sarebbe stato necessario sborsare subito la somma di quattromila euro, da ritirare quindi in tempi rapidi e consegnare a persona che si sarebbe appositamente presentata a casa della donna. L’anziana, subdorata la truffa, ha appeso la cornetta telefonica e subito dopo l’ha rialzata per avvertire i carabinieri, formulando il numero 112. L’ennesimo caso di persone malintenzionate “a caccia” di anziani da intrappolare è avvenuto la settimana appena trascorsa. L’allerta resta alta sul territorio. Dopo i tentativi posti in essere nei giorni in Alto Sangro, i malviventi sono tornati anche in città. Sarebbero almeno una decina i colpi andati a vuoto tra Valle Peligna e Alto Sangro, segno che la consapevolezza si alza con l’informazione. La raccomandazione è quella di diffidare da quanti chiedono somme di denaro per telefono. Per contattare le forze dell’ordine è necessario utilizzare un telefono cellulare poiché l’utenza fissa potrebbe essere bloccata dagli stessi malviventi. alta sul territorio. Dopo i tentativi posti in essere nei giorni in Alto Sangro, i malviventi sono tornati anche in città. Sarebbero almeno una decina le truffe tentate tra Valle Peligna e Alto Sangro. La raccomandazione è quella di diffidare da quanti chiedono somme di denaro per telefono. Per contattare le forze dell’ordine è necessario utilizzare un telefono cellulare poiché l’utenza fissa potrebbe essere bloccata dagli stessi malviventi.

banner

Lascia un commento