banner
banner

SULMONA – Cinque gatti investiti negli ultimi trenta giorni. L’amaro report arriva da via XXV Aprile dove l’alta velocità continua a preoccupare i residenti della zona per i possibili rischi legati all’incolumità personale e alla sicurezza stradale. L’escalation degli investimenti a danno degli animali ha riarmato la protesta dei residenti che negli ultimi giorni stanno rispolverando, man mano, tutte le criticità segnalate agli organi preposti. La petizione depositata nei mesi scorsi a Palazzo San Francesco potrebbe allargarsi. Nel senso che i residenti si stanno attivando per produrre formale richiesta ai fini della predisposizione di rallentatori di velocità, proprio nel perimetro stradale che interseca via XXV Aprile con via Avezzano e via Cappuccini. “In questo mese è toccato ai gatti ma qui transitano anche persone, pure fragili”- rimarcano gli abitanti del quartiere che condannano l’alta velocità e si appellano ad una maggiore prudenza. Di questo e di altro si parlerà nei prossimi giorni in un nuovo summit in Comune dove il comitato presenterà il fatto e il non fatto. In attesa della riperimetrazione dell’area e della suddivisione di competenze tra Ater e Comune, il comitato non molla la presa e continua a battere sul contrasto al degrado urbano. Dai mastelli della differenziata bruciati che continuano ad occupare stalli di sosta alle piante che rischiano di recare problemi alla circolazione. Per questo ieri qualcuno si è armato di motosega e ha proceduto al taglio fai da te, facendo scattare l’intervento sul posto dei Forestali.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com