banner
banner

SULMONA – Revoca delle licenze da ambulante per gli attualmente morosi( che non accettano il piano di rientro), una nuova planimetria da concertare con associazioni di categoria e rappresentanti del settore e un avviso pubblico per censire gli spuntisti. Sta lavorando in questa direzione il Comune di Sulmona che punta a riallineare il commercio ambulante alle normative e regolamenti vigenti, in vista dell’entrata in vigore della Bolkestein, previsto per il prossimo anno. A fronte di situazioni debitorie pregresse, dovute al mancato versamento del canone, da Palazzo San Francesco si sta procedendo al recupero crediti con la rateizzazione. “Abbiamo acquisito i dati degli ultimi cinque anni e abbiamo riscontrato tali situazioni. Per cui, in vista del 2023, stiamo procedendo in tal senso per garantire entrate mai acquisite nelle casse comunali e alla cancellazione delle licenze per gli ambulanti che, nonostante il sollecito, non hanno provveduto ad ottemperare a quanto richiesto”- spiega l’assessore comunale al ramo, Attilio D’Andrea. Le licenze revocate, per fortuna, non sono molte. Meno di una decina. Un fenomeno che comunque incide su un settore già surclassato dalla crisi e dal caro bollette ma, nell’epoca dei costi più esosi di sempre, si punta su trasparenza e legalità e leale concorrenza. Intanto, di concerto con gli operatori del settore, si procederà a riportare la planimetria del mercato all’epoca pre Covid, mediante alcuni accorgimenti per non lasciare spazi vuoti nella piazza che ha perso, negli anni, il potere d’acquisto, magari valutando se esistono le condizioni per avviare le procedure del riconoscimento di “mercato storico”. D’Andrea annuncia infine un avviso pubblico dedicato agli ambulanti dell’ultimo minuto, i cosiddetti spuntisti. Questi ultimi dovranno rispondere ad un bando, fornendo una serie di documenti per poter operare per un anno nel mercato della centralissima piazza. È una scelta, anche questa, volta a conoscere la figura dello spuntista nonché la sua posizione in ordine ai requisiti per poter svolgere la propria attività.

Lascia un commento