banner
banner

SULMONA – E’ pronta a tornare in paese la donna di Castel Di Sangro che era risultata positiva al virus il giorno di Pasqua. La buona notizia è arrivata oggi dopo la completa negativizzazione certificata dai due tamponi. Domani la donna sarà dimessa dall’ospedale San Salvatore dell’Aquila dove è stata ricoverata per rientrare in paese e completare la convalescenza per la piena guarigione dal virus. Nell’area peligno-sangrina la situazione è stabile e il rischio contagio è praticamente archiviato, fermo restando la prudenza e la massima attenzione nella fase due. In Valle Peligna, stando al bollettino Asl, si contano tre guariti in più nelle ultime 24 ore ma negli ultimi giorni va ricordato che sono state effettuate le riattribuzioni anagrafiche, ovvero pazienti in carico presso altra Asl che formalmente risiedono sul territorio. Dall’inizio dell’emergenza sono 62 i casi Covid accertati nell’area peligna e 19 in quella sangrina. In sorveglianza attiva ci sono complessivamente 80 persone, di cui 6 dell’Aquilano, 28 della Marsica e 46 dell’area Peligno-Sangrina. In sorveglianza passiva ci sono complessivamente 2 persone, di cui 0 dell’Aquilano, 1 della Marsica e 1 dell’area Peligna-Sangrina. La sorveglianza attiva in quarantena fiduciaria è disposta dalla Asl per chi ha avuto un contatto stretto con un caso confermato. Le autorità sanitarie controllano in modo periodico lo stato di salute dell’individuo con telefonate quotidiane. La sorveglianza passiva è una forma di quarantena decisa autonomamente da chi ritiene di aver avuto contatti a rischio.

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento