banner
banner

SULMONA – Posta sulla rete sociale di facebook vergognosi insulti contro il carabiniere di Sulmona travolto e ucciso nel bergamasco e viene denunciato. Protagonista della vicenda S.P, un giovane romano, che ha scatenato l’ira dei social. Quella dell’appuntato Anzini è stata una tragedia che ha messo in ginocchio l’intero paese. Eppure c’è chi commenta senza pensare, forse per cercare un pò di notorietà sui social e porsi al centro dell’attenzione. Se questo era l’intento il giovane romano ci è riuscito quando ha scritto: “annateie pure a piscia sulla tomba a sto sbirro”. Ma quelle parole volgari, destituite di ogni logica e di cattivo gusto, non sono piaciute al sindacato autonomo di Polizia ( Sap) che annuncia querele. Il sindacato spiega che saranno denunciati tutti quelli che lanceranno offese o sbeffeggeranno i rappresentanti delle forze dell’ordine. “Come Sap”, afferma il segretario Stefano palloni, “non tolleriamo questi vili gesti alla memoria di quanti sacrificano la vita per servire il Paese. Abbiamo sempre denunciato e continueremo a farlo. Lo abbiamo fatto anche in questo caso, denunciando la condotta del giovane ( ndr) romano alla Procura della Repubblica, nella speranza di una severa punizione”. “Non è ammissibile gioire per la morte di un uomo di Stato, figlio, fratello e soprattutto papà di una ragazza che non potrà più abbracciare”, conclude il sindacalista del Sap. Un episodio che non fa altro che aggiungere dolore e rabbia.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento