banner
banner
banner

PRATOLA PELIGNA – Stop alle deiezioni canine e via libera al “pranzo” per cani e gatti ma senza sporcare. Lo prevede un’ordinanza firmata dal sindaco di Pratola Peligna, Antonella Di Nino. Un provvedimento sicuramente curioso nel suo genere che si è reso però necessario per “ le numerose lamentele ed esposti di cittadini per le precarie condizioni igienico-sanitarie e di decoro di alcune vie e spazi all’interno del centro abitato”-  si legge nel corpo dell’ordinanza sindacale. Il sindaco ha quindi disposto che la somministrazione a cani e gatti randagi, formanti o meno colonie,  sia effettuata in luoghi e modi tali da evitare danno e disturbo al vicinato e che dopo tale pratica si provveda alla rimozione completa dei contenitori per gli alimenti e degli eventuali residui alimentari e alla pulizia delle superfici pubbliche dagli eventuali escrementi prodotti dagli animali. L’esecuzione dell’ordinanza è demandata ai tecnici della prevenzione del servizio veterinario di sanità animale della Asl 1 ed all’occorrenza agli agenti di forza pubblica. Le contravvenzioni verranno accertate e punite con le norme stabilite dalla legge del 24 novembre 1981 numero 689. E’ stato quindi ritenuto che “il problema delle deiezioni degli animali domestici e di affezione sia rilevante per le intuibili implicazioni igienico-sanitarie, di salute pubblica e decoro urbano”. Un’ordinanza che si pone sostanzialmente contro l’inciviltà che continua a regnare sovrana. (a.d’.a.)

banner

Lascia un commento