banner
banner

SULMONA – Via la scuola dal confettificio. Lo ha messo nero su bianco, questa sera, l’Istituto Comprensivo Radice-Ovidio che ha deliberato con voto unanime, tramite il Consiglio, lo spostamento delle tre classi finora ubicate nell’edificio della zona Industriale nell’ex Cescot ed ex Croce Rossa. La scuola primaria viene quindi concentrata in un unico plesso onde evitare problemi con lo spostamento del personale, risparmiare le spese per le utenze visti i tempi e risolvere una situazione di provvisorietà. Sulla scelta pesa anche il calo delle iscrizioni. Restano ora da chiarire i termini della rescissione del contratto con il confettificio che risulta scaduto a luglio, come chiarito dal sindaco, Gianfranco Di Piero. “Noi come ente recepiamo le istanze e le indicazioni della Dirigenza scolastica. Per cui se l’organizzazione interna della scuola ritiene di poter concentrare le classi in un unico plesso, l’immobile in questione non può essere occupato. La delibera di Giunta è solo un atto di indirizzo”- ricorda il primo cittadino. Insomma non è necessario modificare l’atto poichè gli uffici comunali, prendendo in considerazione l’odierna deliberazione del Consiglio d’Istituto della Radice-Ovidio, non daranno seguito all’indirizzo di sindaco e assessori. L’immobile della zona industriale, nonostante il contratto scaduto, risulta tutt’ora occupato dalla scuola che provvederà nelle prossime ore a smantellare. Per questo dalla struttura chiederanno la penale oltre che le due mensilità aggiuntive. “È previsto dal contratto”- ricordano dal Confettificio. Gli studenti della Radice- Ovidio saranno tra i primi a rientrare in classe il prossimo 9 settembre.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com