banner
banner
banner

SULMONA – Entra nel vivo la battaglia degli ex docenti del De Nino-Morandi, il plesso scolastico sulmonese chiuso dal 17 ottobre 2014 dopo il sequestro della Finanza, tornati alla ribalta per la riapertura a stretto giro dell’edificio di via D’Andrea. Una delegazione sarà ricevuta dal sindaco di Sulmona Annamaria Casini il prossimo 19 dicembre alle ore 15.30 a Palazzo San Francesco. Il neo comitato è giunto così alla sua prima mossa. Con il sindaco Casini si farà il punto sulla ricerca della sede alternativa nel territorio comunale di Sulmona per riportare i ragionieri e i geometri in città. Obiettivo dei professori in pensione è anche quello di richiedere un’assemblea pubblica alla Dirigenza del Polo Scientifico-Tecnologico “E. Fermi” per coinvolgere i docenti in servizio e le famiglie. E’ toccato proprio agli ex docenti ridestare l’attenzione sulla sede storica dei ragionieri e geometri. A due anni dalla chiusura bisogna stabilire ancora un cronoprogramma dei lavori, nominare un progettista e redigere un progetto. Nelle scorse settimane è stato il Presidente della Provincia dell’Aquila Antonio De Crescentiis a ottenere l’ok dalla Procura della Repubblica dell’Aquila per il sopralluogo sull’edificio. Gli studenti, dal 29 ottobre 2014, sono ospitati nell’Itis di Pratola Peligna.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento