banner
banner

SULMONA – “La rappresentazione plastica del fallimento amministrativo, ancor prima che politico, di questa classe politica al governo della città. La prova finale del ‘vuoto’ sociale e culturale prodotto da amministratori supponenti, incapaci di riparare quella che è stata la sede storica dove si sono forgiate intere classi dirigenti ”. E’ il Pd sulmonese a tornare a bomba sulla situazione del Liceo Classico Ovidio di Sulmona che dopo undici anni attende ancora i lavori di ristrutturazione sismica mentre, nel frattempo, il degrado avanza. Il riferimento del Pd è alla facciata dell’edificio, danneggiata da intemperie e calamità, con la foresta che diventa la cartina al tornasole dell’abbandono e della trascuratezza di una scuola che era il simbolo della città. Da qui l’affondo dei dem. “Zavarella, forse preso dalle innumerevoli riparazioni di colonnine sbrecciate e pulizie un po’ ovunque in giro per la città – scrive il Pd -, ha perso di vista quale è la funzione del suo ruolo di assessore. Quello, cioè, di adoperarsi politicamente e fattivamente alla risoluzione dei problemi a lui devoluti dalla delega affidatagli. Nella fattispecie, attraverso i contatti, il confronto, la ricerca delle soluzioni possibili con gli enti competenti sovraordinati (Provincia e Sovrintendenza) che, ad oggi, sembrerebbero bocciare il progetto di intervento esistente”.
Il Pd quindi va per la sua strada: “ci adopereremo con i nostri referenti politici, a livello regionale e ministeriale – concludono i Dem -, affinché si possa riproporre un progetto adeguato ad effettuare interventi strutturali su quell’edificio, tali da poter riospitare quanto prima i ragazzi del liceo classico, sollecitando, al riguardo, i necessari finanziamenti occorrenti, nel quadro di proposte di rilancio economico-sociale del territorio sostenibili con le disponibilità dei fondi europei”.
Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento