banner
banner

SULMONA – Le oscillazioni della curva epidemiologica poco interessano gli addetti ai lavori che nella fase del post emergenza monitorano di più i fragili e le strutture sensibili del territorio. Tuttavia il virus non scompare né ha intenzione di uscire di scena definitivamente. Sono 69 le positività confluite sul bollettino odierno, comprese dieci reinfezioni, distribuite sui vari centri del comprensorio: Sulmona 34, Raiano 4, Pratola Peligna 4, Castel di Sangro 4, Bugnara 4, Pettorano sul Gizio 3, Corfinio 3, Vittorito 2, Introdacqua 2, Castelvecchio Subequo 2, Villalago 1, Scontrone 1, Roccaraso 1 Prezza 1 Pescocostanzo 1 Pescasseroli 1, Molina Aterno 1. Sulmona resta il baricentro del contagio post emergenza con più di 30 casi accertati. La scorsa settimana erano stati annotati 59 contagi sui registri Asl mentre lo scorso 20 ottobre si contavano 55 positività. Dopo il calo apparente della giornata di ieri, dovuto allo scarso numero di tamponi svolti nel giorno di festa, la curva torna leggermente in salita. Nuove infezioni si registrano nell’ospedale di Sulmona mentre il carcere sembra respirare dopo il nuovo fronte degli ultimi giorni. Sul territorio sono risultati positivi un farmacista e due pazienti di una struttura sanitaria di viale dell’agricoltura. Complessivamente sono 321 gli attuali positivi sul territorio a fronte di quattro degenti di cui uno in rianimazione. Il totale dei contagi è stato più che ridimensionato dalla scorsa settimana con il riallineamento dei dati.

Lascia un commento