banner
banner

SULMONA – Conferme, rientri dall’esterno e ancora non vaccinati che finiscono in ospedale. E’ un bollettino Covid che smorza gli entusiasmi e tiene alta l’allerta quello che arriva nella giornata del 3 settembre. Sono 7 i nuovi casi messi a referto dalla Asl che configurano una nuova impennata tutta sulmonese perché i nuovi positivi, dagli 11 agli 82 anni, sono domiciliati nel capoluogo peligno. Dopo un “giro” in Alto Sangro, per l’onda lunga del ferragosto e probabilmente delle alte presenze turistiche, il Covid scende in Valle e torna in città dove continua a fare breccia aprendo anche nuovi fronti di contagio come avevamo in qualche modo anticipato. Nella casella dei positivi sono finiti i quattro sulmonesi che avevano scoperto la positività già con un test antigenico. Tra loro c’è anche l’anziana di 83 anni che ha contratto l’infezione pur essendo vaccinata ma si trova in isolamento domiciliare, a dimostrazione dell’importanza della protezione. Positivi tre giovanissime di 11, 31 e 30 anni, quest’ultima rientrata dall’estero come del resto una coppia over 40. La speranza è che il virus non faccia breccia tra i loro contatti stretti che sono stati tracciati dalla Asl. Il dato rassicurante riguarda, per il secondo giorno consecutivo, l’alto numero di guarigioni. In 17 sono usciti dall’incubo dell’isolamento. Gli attualmente positivi sul territorio scendono a 136 mentre in sorveglianza si trovano 230 persone ( +10 rispetto a ieri). Ma il dato che più di tutti è da tenere sotto controllo è quello dei ricoveri, alla luce dei nuovi parametri per la classificazione delle regioni. In Centro Abruzzo sono 6 i pazienti Covid ricoverati in area non critica. All’elenco si è aggiunta questa mattina una 71 enne non vaccinata, rientrata dall’estero, trasportata nelle malattie infettive dell’ospedale di Avezzano dopo la diagnosi da polmonite bileterale effettuata dai medici sulmonesi. Il vaccino si conferma una barriera  importante contro l’ospedalizzazione, a maggior ragione per una determina fascia d’età. Dei 6 ricoverati solo 2 sono vaccinati ma, secondo gli operatori, senza la protezione sarebbero finiti in terapia intensiva. Procede infine la campagna vaccinale con 87 dosi inoculate a Sulmona, 75 a Pratola e 105 a Castel Di Sangro. È facile aspettarsi un aumento dei casi soprattutto in vista della riapertura dell’anno scolastico ma non un aumento della gravità dei casi proprio per il buon andamento della campagna vaccinale in atto.

Andrea D’Aurelio

MAPPA CONTAGI( RIALLINEAMENTO DATI)
Sulmona 48, Pescasseroli 20, Opi 13,  Roccaraso 9, Introdacqua 8, Pratola Peligna 8, Scanno 8, Pacentro 6,  Ateleta 5, Pescocostanzo 3, Castel Di Ieri 3, Rivisondoli 1, Secinaro 1, Castelvecchio Subequo 1, Gagliano Aterno 1, Molina Aterno 1
Ricoveri in terapia intensiva 0
Ricoveri non in terapia intensiva 6 ( 4 non vaccinati)

MAPPA VACCINI
Area peligno-sangrina 81977

Area Sulmona- Incoronata 36817 ( + 87 rispetto a ieri)
Area Pratola- Stadio Ricci 28.105 ( + 75 rispetto a ieri)
Area Castel Di Sangro 19.437 (+ 105 rispetto a ieri)

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com