banner
banner
banner

Sulla situazione carceraria nel nostro Paese e in particolare a quello di Sulmona è tornato ad occuparsi oggi, con una lunga nota il segretario generale territoriale UIL PA Polizia Penitenziaria della Provincia dell’Aquila Mauro Nardella- “La CEDU- scrive Nardellka-  irroga sanzioni all’Italia, come nel caso della sentenza Torreggiani, perché non ritiene che lo stato di diritto nelle carceri sia esercitato secondo gli schemi rappresentati dalle Convenzioni internazionali?Mi chiedo perché la stessa CEDU non condanni l’Italia anche per lo stato di abbandono nel quale sono stati lasciati i penitenziari  nazionali , Sulmona compresa, visto che anch’essa rappresenterebbe una tortura visto che a rimetterci sono tutti siano essi  detenuti che personale ivi operante?A Sulmona si vive in uno stato di marasma generale per via, come detto,  di detenuti che aggrediscono poliziotti e non vengono trasferiti; di detenuti che chiedono di essere mandati altrove perché non si ritrovano in quel contesto scolastico e/o universitario per il quale il carcere Sulmonese era stato propagandato e non vengono esauditi nel loro desiderio; per via del fatto che il DAP continua ad inviare soggetti psicopatici ( l’ultimo ieri) pur non avendo il carcere peligno una struttura capace di soddisfare il loro bisogno di cure e per questo motivo impreparata a gestirl “.”Cosa dire della questione riguardante il personale se non male se si fa riferimento ai loro diritti disattesi ( ci sono persone con più di 200 giorni di congedo arretrato), ovvero al numero di esso presente e carente in ogni ordine e grado?Cosa dire della percolante logistica che vede fare da contraltare ad un padiglione nuovo la restante struttura  abbisognevole di ristrutturazione oltre che di adeguamento ai voleri del nuovo regolamento di esecuzione dell’ordinamento penitenziario?Muri scrostati, docce ammuffite, pavimenti senza piastrelle e per questo motivo scarsamente igienizzabili; mancanza così come prevede il regolamento di acqua calda e vano docce nelle camere”.
“Ci avevano assicurato che avrebbero proceduto ad aprire il nuovo padiglione ( che fortunatamente è ancora chiuso) spostando i detenuti da un reparto all’altro al fine di procedere proprio con i lavori di ristrutturazione ma ad oggi nulla si sa di certezze in merito. Ci avevano promesso che avrebbero riattato il plesso ove sono allocati i collaboratori di giustizia in un più idoneo e sicuro presidio per videoconferenze ( utili per effettuare udienze processuali a distanza) ma nulla è dato sapere sulla sua implementabilità.Promesse, promesse, promesse….salvo poi ritrovarci con un pugno di mosche e tanti problemi in più in mano.” Poi l’appello finale al Ministro della Giustizia Nordio “ Ministro ci venga a trovare noi l’aspettiamo “

banner

Lascia un commento