banner
banner

SULMONA – “Si impegna il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio e l’assessore regionale alla sanità Nicoletta Verì ad inserire all’interno del nuovo piano di riordino della rete ospedaliera l’ospedale di Sulmona quale dea di primo livello”. L’indicazione è arrivata dalla quinta commissione consiliare del Consiglio Regionale d’Abruzzo che ha approvato a maggioranza la risoluzione urgente presentata dalla consigliera regionale Udc, Marianna Scoccia ( prima firmataria) e dalla consigliera regionale della Lega, Antonietta La Porta sulla classificazione del nosocomio di Sulmona quale presidio di primo livello. L’impegno assunto ieri dalle due consigliere nella commissione sanità di Palazzo San Francesco è stato mantenuto. Nella risoluzione, passata con i voti dell’intera maggioranza e del centrosinistra mentre i cinquestelle si sono astenuti, le due consigliere hanno fatto notare che “il presidio ospedaliero di Sulmona costituisce il polo sanitario di riferimento storicamente consolidato per il bisogno di salute di un bacino di riferimento composto dai comuni di Introdacqua, Bugnara, Anversa, Villalago, Scanno, Pratola Peligna, Prezza, Corfinio, Vittorito, Roccacasale, Castelvecchio Subequo, Castel Di Ieri, Secinaro, Molina Aterno, Gagliano Aterno, Goriano Sicoli, Pacentro, Cansano, Campo Di Giove, Rocca Pia, Pescocostanzo, Rivisondoli, Roccaraso, Scontrone, Castel Di Sangro, Villa Scontrone, Ateleta, Alfedena, Civitella Alfedena, Cocullo, Opi, Pescasseroli nonché territorialmente coordinato con il presidio di Popoli, benchè afferente alla provincia di Pescara”. Ma nel documento recepito dalla commissione è stato rilevato pure che “l’ospedale è collocato all’interno di un’area vasta in cui ricadono tre Parchi Nazionali e Riserve, evidenziando quindi come sia un bacino orograficamente complesso” e che “21 sindaci si sono espressi a favore della classificazione Dea di primo livello per il presidio ospedaliero di Sulmona”. Le due consigliere hanno poi rimarcato che la classificazione deve tener conto anche della “nuova struttura ospedaliera di Sulmona di prossima apertura, baricentrica di una vasta area interna a forte rischio sismico, la prima in Abruzzo con caratteristiche costruttive e strutturali all’avanguardia, antisismiche e moderne, caratteristica che la rende contenitore attrattivo e qualificato dei servizi sanitari regionali”. Per qualcuno la battaglia di primo livello diventa una questione di principio per le promesse che sono arrivate in campagna elettorale ma l’indirizzo della commissione è, in ogni caso, forte e chiaro perchè fa seguito alla volontà di un territorio espressa in ogni sede. La palla passa all’assessore Verì.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento