banner
banner

SULMONA –  “Impennata fotocopia” con 30 nuovi casi tracciati in un giorno e quota cento positivi toccata da Sulmona. La bomba del Covid innescata nelle ultime settimane in Valle Peligna sembra essere esplosa definitivamente. Dopo la calma apparente di ieri, a distanza di 48 ore, torna il bollettino nero che segna un nuovo balzo sulla curva epidemiologica. Ad indossare la maglia nera del contagio è ancora una volta la città di Sulmona che solo oggi ha messo a referto 25 nuovi casi, toccando la soglia dei 101 attuali positivi. Dal traguardo del Covid free che risale allo scorso 13 ottobre, il Covid di strada ne ha fatta in città, facendo breccia un po’ ovunque, riportando allerta e preoccupazione. La speranza è che lo screening di massa del week end, che ha permesso di intercettare altri 7 positivi su circa 1500 tamponi, contribuisca in qualche modo a porre un freno al contagio random e a stabilizzare, per quanto possibile, il quadro epidemiologico. Va comunque rilevato che tra i 25 nuovi positivi sono coinvolti ben 7 nuclei familiari, composti rispettivamente da due o tre persone. Questo spiega il perché di una nuova brusca impennata sulla curva. I nuovi positivi hanno dai 75 ai 1 anno di età. In città nella casella dei casi odierni sono finiti, oltre ai nuclei familiari, anche 7 minori, da 1 a 9 anni. Positivo anche un 29 enne legato ad una casa famiglia del territorio, già in isolamento, il cui fronte appare contenuto. Contagiata anche un’infermiera dell’ambulatorio chirurgico, fuori servizio ormai da settimane. Per cui nessuna ripercussione sull’ambiente lavorativo. Si registra un caso di positività anche su un operaio di uno stabilimento che opera in città. Altri tre contagi sono stati rilevati a Introdacqua: un consigliere comunale, una 75 enne e una 42 enne. Un nuovo caso mette a referto anche Pacentro. Si tratta di un 58 enne. Chiude il cerchio Pratola Peligna con la positività di un 36 enne. Gli attualmente positivi salgono così a 163 nell’intero territorio peligno-sangrino, a fronte di 4 guarigioni registrate nelle ultime 24 ore. In aumento anche i sorvegliati dai 355 di ieri ai 375 di oggi. L’unico parametro confortante riguarda la stabilizzazione dei ricoveri ridotti al minimo. Il campanello d’allarme era suonato questa mattina per un giovane paziente Covid di 25 anni, trasportato in ospedale dopo la recrudescenza della sintomatologia. E’ stato dimesso presso il proprio domicilio con terapia specifica. Restano 6 i degenti in area non critica, segno che l’effetto del vaccino si sta vedendo sul tasso di ospedalizzazione pressocchè nullo in Centro Abruzzo. Oggi nell’hub dell’Incoronata sono state inoculate 109 dosi mentre domani tamponi e vaccini si prendono una giornata di riposo, doverosa, per ricaricare le batterie. La speranza è di migliorare il trend nelle prossime settimane con le terze dosi e le prime da somministrare agli indecisi. Fermo restando le misure di prevenzione nel quotidiano che, nella maggior parte dei casi, risultano annullate.

Andrea D’Aurelio

MAPPA CONTAGI

Sulmona 101, Raiano 19, Introdacqua 16, Pratola Peligna 12, Pettorano sul Gizio 5, Pacentro 3, Rivisondoli 2, Castel Di Sangro 2, Prezza 2

 

Ricoveri in terapia intensiva 0

Ricoveri non in terapia intensiva 6

 

MAPPA VACCINI

Area peligno-sangrina 89987

Area Sulmona- Pratola 68150(+ 109 rispetto a ieri)

Lascia un commento