banner
banner

Si torna a parlare nuovamente di rischio chiusura per il traforo del Gran Sasso. Emanuele Imprudente, vice presidente della Giunta Regionale ha convocato in videoconferenza un tavolo tecnico per discutere dell’emergenza idrica del Gran Sasso.

Il presidente del Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, l’avvocato Tommaso Navarra, ha ribadito l’assoluta necessità del rispetto della normativa di Valutazione di Incidenza Ambientale per eseguire i lavori di lavaggio del tunnel autostradale propedeutici alle verifiche di vulnerabilità sismica imposte dal Ministero delle Infrastrutture.

Il tavolo tecnico ha condiviso la necessità di operare la VincA.

il commissario straordinario Corrado Gisonni, di contro, esprime la preoccupazione che il 15 ottobre il traforo del Gran Sasso debba chiudere. Il Mit. Infatti, ha intimato mesi fa a Strada dei Parchi di effettuare le verifiche di vulnerabilità sismica all’interno delle gallerie. Un lavoro lungo e complesso che, stando al dirigente del Mit Placido Migliorino, dovrebbe concludersi entro il prossimo 20 novembre;  i tunnel dovrebbero essere sottoposti ad una sorta di ‘lavaggio’ per verificare la presenza di eventuali criticità statiche; ciò comporterebbe il rischio di inquinamento della falda acquifera: in sostanza, si dovrebbe interrompere l’erogazione idrica. Ma la Asl teramana si è opposta chiedendo di rinviare i lavori.

“Non credo ci sarebbero i tempi per arrivare ad una definizione complessiva” ha ribadito Gisonni “non si può valutare preventivamente l’impatto di tecniche mai sperimentate prima; dunque, si dovrebbe procedere con una prova per valutarne gli esiti”.

Intervengono anche gli attivisti di l’Osservatorio indipendente sull’acqua del Gran Sasso: “Trovandoci all’interno di un parco nazionale che ospita siti di interesse comunitario e zone di protezione speciale (proposti dalla Regione Abruzzo, designati dallo Stato italiano e istituiti dall’Unione Europea), gli interventi devono essere sottoposti a valutazione di incidenza ambientale come prevede la normativa europea e quella italiana di recepimento. Rispettare le normative ambientali non causa ritardi, semmai il non rispettarle che determina allungamenti dei tempi e dispendiosi procedimenti giudiziari, vanno messi da parte giochetti dilatori e soprattutto va evitato che tutto diventi terreno di scontro politico”.

Aggiornamento delle ore 22.00…

La concessionaria Strada dei Parchi comunica che, per verifiche tecniche da effettuare nella galleria del Gran Sasso,  sarà disposta la chiusura della tratta autostradale San Gabriele/Colledara – Assergi (Traforo del Gran Sasso) dalle ore 22:00 dei giorni 21 e 22 settembre p.v. alle ore 06:00 dei giorni successivi, limitatamente al traffico proveniente da Teramo e diretto verso AQ/A25/RM.

Conseguentemente, nei giorni ed orari sopra indicati, per i veicoli provenienti da Teramo e diretti verso AQ/A25/RM, sarà disposta l’uscita obbligatoria allo Svincolo di San Gabriele/Colledara. Per il traffico proveniente da Teramo di lunga percorrenza si consiglia di usufruire dell’autostrada A14 e A25, in alternativa è possibile percorrere la SS 80 per il Valico delle Capannelle dallo Svincolo di Basciano.

 

banner

Lascia un commento