banner
banner
banner

SULMONA – Nessuna risposta per i servizi sottratti. Dal Movimento Cinque Stelle di Sulmona arriva l’affondo per la consigliera regionale, Antonietta La Porta. “Per carità apprezziamo lo sforzo della Consigliera Regionale leghista Antonietta La Porta che condivide e si fa promotrice di incontri per la ormai famosa Zes, nonostante la precisa e impeccabile risposta data dal primo cittadino Di Piero su tale argomento, che ricorda che non servono protocolli, ma piuttosto bisogna favorire gli investimenti da parte degli operatori presenti, come già si sta cercando di fare. Dalla Consigliera Regionale ci saremmo invece aspettati un suo forte interessamento per la questione Trasporti. Un isolamento che continua a penalizzare l’intero territorio peligno e che ha già subito un drastico taglio del 50% delle corse verso la Capitale, aggravandosi poi il sabato e la domenica”- interviene il consigliere pentastellato, Jacopo Lupi. “Per non parlare dei finanziamenti acquisiti da Tua pari a 5milioni 725mila440 euro, di cui questo territorio non vedrà neanche un centesimo e che soffre oltremodo anche la carenza di infrastrutture, senza un terminal, senza banchine, senza biglietteria e rimessa mezzi. Dalla Consigliera Regionale ci saremmo aspettati una sua parola per quanto riguarda il problema della Sanità, dove i disservizi e la carenza di personale hanno superato abbondantemente lo stato di emergenza. Per non parlare della situazione di Palazzo Portoghesi ormai in stato di abbandono, un Centro di Promozione Culturale, unico spazio gratuito di aggregazione che serviva l’intero territorio della Valle Peligna con centinaia di studenti, associazioni ed enti. Ad oggi la biblioteca è relegata nel seminterrato dell’INPS con neanche la metà dei 25.000 volumi presenti, ma anche di questo forse è meglio non parlare. Dalla Consigliera La Porta inoltre non abbiamo mai ricevuto una risposta e una spiegazione concreta sui famosi Europei di Pattinaggio, dove Sulmona ha subito un evidente discriminazione politica della Regione a favore del comune amico L’Aquila.
450 mila euro finiti totalmente nelle casse del Capoluogo, una redistribuzione nel territorio un po’ fantasiosa nonostante il forte interessamento di Sulmona nell’ospitare la manifestazione, con la presentazione della domanda, la presentazione dei rendiconti e preventivi e le richieste dirette a Liris e Marsilio. Potrei continuare ancora la lista della spesa, ma forse è meglio parlare di Zes, argomento di moda al momento e magari continuare a seguire le esigenze di partito di questa destra in Regione, piuttosto che lavorare realmente per il territorio”- conclude Lupi.

banner

Lascia un commento